La Storia dell’A.S.D. Nuova Andria

logo nuova andria
L’A.S.D NUOVA ANDRIA è una società giovane, nata nel Settembre del 2003, da un’idea di Francesco Bruno, Vincenzo Carbutti, Francesco Rella e Ruggiero Regano, che insieme hanno deciso di lanciarsi in questa avventura, spinti da un’unica passione, quella per il calcio!
Il primo presidente in pectore è Ruggero Regano che iscrive la squadra al campionato di terza categoria pugliese, con alla guida tecnica Francesco Bruno. In questa stagione la Nuova Andria dimostra di essere già una squadra di livello, chiudendo il campionato con un buon risultato, e cioè risultando la prima squadra a non essere ripescata per partecipare alla categoria superiore.
La stagione 2004/2005 è l’anno della svolta. Si apre innanzitutto con importanti cambiamenti. Infatti Ruggiero Regano passa il testimone di presedente a Vincenzo Carbutti, mentre in panchina viene chiamato Cosimo Sinisi con un passato di tutto rispetto con panchine in Promozione e Prima categoria. Questi cambiamenti, accompagnati ad un progetto serio, fanno sì che la squadra a fine campionato risulti la vincente del proprio girone di terza categoria, venendo promossa così in seconda categoria e non sazia di questo trionfo, vince anche il girone che comprende tutte le squadre vincitrici dei propri gironi. A dimostrazione che la Nuova Andria può ormai considerarsi una squadra di calcio a tutti gli effetti, già in quest’anno, a soli due anni dalla fondazione, viene creato un settore giovanile, con la squadra juniores la cui guida è affidata al mister Cosimo Bafunno, anch’egli con un passato su panchine ben più prestigiose.
La stagione 2005/2006 è la prima in seconda categoria. La squadra si batte con tutta la grinta e determinazione per mantenere una dignitosa posizione di classifica e non essere immischiata nella lotta alla salvezza. Alla fine il verdetto dice permanenza nella seconda categoria, con gioia degli addetti ai lavori. In questa stagione poi viene creata anche una squadra giovanile di allievi, con alla guida Antonio Cannone.
La stagione 2006/2007 si apre con ambizioni importanti. Consolidata la seconda categoria con l’ottimo piazzamento dell’anno prima, si punta al salto di categoria. Mister Sinisi, con i suoi ragazzi affrontano un campionato duro, arduo, ma alla fine ottengono la tanto agognata promozione, in un finale di campionato da thriller, vincendo gli spareggi promozione prima con il LESINA ed infine con l’ORDONA, in una partita combattuta e vinta col cuore.
Il 2 settembre 2007 inizia la stagione dell’A.S.D. NUOVA ANDRIA in prima categoria con la sfida di Coppa Puglia contro l’URSUS TRANI. Il 16 settembre invece inizia la nuova avventura nel campionato di prima categoria degli uomini di mister Sinisi. Una stagione che per poco si poteva chiudere con un altro risultato, diverso da quello della salvezza. Cosi la stagione 2007-2008, la prima in prima categoria, si conclude con una tranquilla salvezza. Nella stagione 2008/2009, la squadra biancoazzurra ha qualche difficoltà, in piena zona retrocessione, la società decide di cambiare allenatore. Al posto di mister Cosimo Sinisi, arriva Paolo Di Bari. Il mister, arrivato a stagione in corso, riesce a risollevare la squadra dai bassifondi della classifica e condurla alla salvezza. La stagione successiva, 2009-2010, vede la conferma di mister Di Bari e l’allestimento di una squadra sulla carta piu forte e con elementi di spessore. Cosi quasi a sorpresa, la squadra centra il quinto posto a fine stagione. Quinto posto colto a pari merito con il Gargano Marconi. Spareggio vinto dagli andriesi che vanno dunque ai playoff. Nella semifinale si affronta il Torremaggiore. Pareggio nella gara di andata ad Andria e incredibile vittoria esterna degli andriesi sul campo dei foggiani. Cosi i biancoazzurri si ritrovano in finale. Dove affrontano un’altra foggiana, il Carapelle. Andata in terra nord barese, La Nuova Andria vince per 2 a 1. Al ritorno finisce 2 a 2 e per i biancoazzurri è l’apoteosi!! Storico approdo nel campionato di promozione. La stagione 2010-2011, quindi vede per la prima volta, la Nuova Andria in promozione. E i ragazzi allenati da Di Bari, centrano la salvezza. Salvezza raggiunta in extremis anche nella stagione 2011-2012. La tanto agognata permanenza, arriva nello spareggio playout contro il Minervino. A seguire, la stagione 2012-2013, la terza in promozione. La società decide di puntare forte sui giovani, con l’inserimento di qualche giocatore piu esperto. Ma nelle prime giornate sono palesi le difficoltà. Infatti in 9 gare di campionato, viene raccolto soltanto un punto. Cosi si cambia in panchina, va via Di Bari, e al suo posto a guidare i ragazzi c’è Nicola Reggente, già vice di Di Bari. La squadra nonostante le varie vicissitudini, legate al campo di gioco(si è giocato in campo neutro a Canosa, Corato e Ruvo), a novembre trova un campo disponibile ad Andria. Ed è lo storico “Fidelis” in terra battuta. Fidelis che diventa un fortino, nella quale i biancoazzurri trovano la salvezza con ben 3 giornate d’anticipo. Una grande salvezza conquistata, in barba a tutti quelli che all’inizio credevano che gli andriesi sarebbero stati la cenerentola del girone. 2013-2014? Work in progress, con l’ingresso in società di gente esperta come il D.G. Vito Tursi e per competere al meglio nella quarta stagione consecutiva in promozione.